[PRECEDENTE] [INDICE] [PRINT]

Da eBIZ Fashion Forum una prospettiva aperta sull'industria del fashion

64 esperti di IT, fornitura, produzione, brand, vendita, associazioni hanno condiviso le loro intuizioni in un'atmosfera aperta e costruttiva.

La sfida è un approccio a medio termine ai temi della digitalizzazione dell'industria della moda che è minacciata da ePlatform monopolistiche (ad esempio Amazon e AliBaba), nuove logiche di sistema, mancanza di orchestrazione e best practice nelle reti, carenza di standard e tecnologie in tempo reale ed il conseguente aumento della complessità dei processi nelle prospettive di omnicanalità e di personalizzazione

Lancio della "Initiative - Connection Textile Sector" per la creazione di un DIGITAL MASTER PLAN di settore

 

Svoltasi a Francoforte il 19 settembre 2018, la conferenza è stata il punto di arrivo del lavoro avviato da una collaborazione tra il progetto eBIZ 4.0 (ebiz-tcf.eu), in particolare ENEA e GCS Consulting (GCS Consulting GmbH, München, Germania, schneider@gcs-consulting.de ): l'obiettivo era quello di verificare il potenziale di eBIZ per l'industria della moda tedesca e comprendere le esigenze del settore in questo paese in una più ampia prospettiva europea.

L'attività è stata strutturata in tre fasi:

- analisi degli scenari di mercato e di business in Germania in relazione all'adozione delle tecnologie di eBIZ e RFID (incluso un gruppo di interviste a un focus group di stakeholder del settore);

- definizione di uno scenario potenziale per l'adozione di eBIZ come parte di una piattaforma per l'industria della moda in Germania

- presentazione dei risultati dello studio e del potenziale scenario alla conferenza "eBIZ & GCS Fashion Forum" per discuterne i risultati e ottenere feedback.

 

1. L'analisi di mercato ha evidenziato che l'industria della moda tedesca sta affrontando profondi cambiamenti nei comportamenti dei consumatori (che portano a una ritorno dell'attenzione sulle prestazioni del prodotto con una polarizzazione tra "price oriented "e "innovative, high quality products orientation", una crescente complessità dei canali di vendita in una prospettiva "omnicanale" (nuovi attori/sistemi come piattaforme di e-commerce, piattaforme  social media, sistemi per la "enhanced shopping esperience" moltiplicano i potenziali touchpoint con il cliente ;. ..) e, più in generale, la crescente complessità della gestione della supply chain sottolineata dalla delocalizzazione, dai termini di consegna più brevi e dalla shelf life del prodotto, nonché dalla domanda di prodotti esclusivi/personalizzati (parte di tale quadro è la difficoltà tradizionale, ad esempio, nei flussi informativi con fornitori di materiali di alta qualità come i fornitori italiani e spagnoli).

Un secondo punto evidenziato è che i flussi di dati EDI (principalmente il formato EANCOM) sono in molti casi in uso ma solo presso organizzazioni strutturate e principalmente sul lato a valle della catena, dai produttori alle organizzazioni di vendita. A differenza di altri paesi come l'Italia o la Spagna, l'industria tedesca ha in qualche modo investito sulle tecnologie EDI e ha una forte consapevolezza di questo patrimonio di investimenti e chiede un chiaro posizionamento di eBIZ (non tanto conosciuto a dire il vero) ed EDI/EANCOM: il messaggio chiaro è che una competizione tra diversi standard è qualcosa da evitare.

 EDI, ripartizione per tipologia del volume di messaggi nel  2017 – dati da BTI clearing center (lato downstream). Sorgente: Bundesverband Textiler Einzelhandel (BTE), Cologne 2017
EDI, ripartizione per tipologia del volume di messaggi nel 2017 – dati da BTI clearing center (lato downstream). Sorgente: Bundesverband Textiler Einzelhandel (BTE), Cologne 2017

Quindi un terzo risultato riguarda le insoddisfazioni e ed i desideri espressi dal gruppo di esperti intervistati.

La valutazione delle difficoltà derivanti dalle attuali tecnologie EDI potrebbe essere riassunta in

  • La tecnologia dei "flat file" porta a molti dati necessari per comunicare poche informazioni, molti "pseudo" standard e una gestione molto difficile delle mappature tra i formati
  • Mancanza di meccanismi in tempo reale per problemi come il monitoraggio dell'inventario, ad es. per meccanismi longtail 
  • Requisiti per Canali di distribuzione nuovi e internazionali (ad es. modelli di commercio elettronico o di importazione-distribuzione) così come modelli di business multicanale e multicanale non più o non facilmente possibili
  • Il business quotidiano e l'avvio di flussi dati con uno o più partner sono costosi, richiedono esperti specifici
  • Nessuno o solo pochi strumenti Open Source sono disponibili, tuttavia nella maggior parte dei casi sono necessari Converter o Service Provider specifici

I requisiti per un nuovo approccio:

  • La tecnologia dovrebbe essere facile, intuitiva e flessibile come scrivere una e-mail
  • "Standard " con bassi costi, bassa barriera di ingresso e sufficiente libertà / spazio per lo sviluppo continuo di nuovi canali di distribuzione e modelli di business
  • Strumenti o metodi comuni che ogni reparto possa utilizzare (Acquisti, Approvvigionamento, Vendite, Logistica ecc.) e senza più bisogno di molti specialisti ad hoc
  • Comunicazione tra Processi aziendali in tempo reale e supporto ai processi attuali e futuri.

Ovviamente un tale elenco di requisiti è impegnativo perché, come al solito, l'apparente semplicità per gli utenti richiede un complesso background di tecnologie, tuttavia evidenzia la direzione e i problemi per il prossimo futuro ed evidenzia il fatto che le aziende della moda tedesche non sono contente l'attuale stato di EDI/EDIFACT e sono alla ricerca di un approccio innovativo.

Vale la pena inoltre menzionare  un ultimo aspetto del quadro relativo alle competenze IT: le piccole aziende in particolare mancano di personale IT specializzato che è sempre più difficile da reclutare (risultato dell'ultimo IT Benchmark 2018 di GCS Consulting GmbH per GermanFashion Modeverband e.V.).

 

2. La proposizione di uno scenario potenziale deriva dall'analisi effettuata da GCS sulla situazione e le sfide in campo.

"La vita quotidiana della moda è troppo complicata". L'industria si trova di fronte a un mix selvaggio di funzioni, modelli di business e sistemi IT specializzati che rappresentano una grande sfida.

“Le rete è trendy”: ma con quasi nessuna regola e poche interfacce standardizzate. Il networking è "trendy" e ogni azienda in un mercato multi-player fa parte di una rete, ma le reti funzionano bene solo con strutture chiare e interfacce definite. Le strutture di rete senza regole chiare hanno scarso valore strategico. Soprattutto nelle reti complesse multi-player siamo solo ad un piccolo passo dal caos.

Sfide attuali e complessità quotidiana:

  • Duplicazione dei processi nelle supply chain del settore (ad esempio controllo qualità)
  • Livello elevato di lavoro manuale (ad esempio nella gestione dei certificati)
  • Significativo "volo cieco" dei materiali a valle della richiesta al fornitore, questo crea incertezza nei tempi che creano difficoltà ‘di sistema’ alla creazione di catene del valore guidate dal consumatore.
  • L'aumento di sistemi dedicati, centri di compensazione e piattaforme di fornitori produce solo benefici a breve termine, con conseguenti esplosioni di complessità IT: il Brand medio in Germania ha 18 interfacce distinte (la peggiore della classe:  85!)
  • Mancanza di una base tecnologica/architettura di settore per il supporto di processi "in tempo reale" di tipo pull
  • Tema visionario: mancanza di accesso diretto ai dati macchina rilevanti all'interno delle catene di approvvigionamento (ad esempio dati del sensore alla tessitura o al filatoio)

Nonostante la scarsa focalizzazione sui processi di collaborazione esterna, c'è un'attività molto importante in un settore completamente diverso che potrebbe "infettare" anche l'industria della moda nei prossimi anni: le industrie automobilistiche tedesche, che hanno già standard per la fornitura scambio di dati a catena, ora stanno cercando una struttura di comunicazione uniforme completamente nuova: la completa digitalizzazione del paradigma Industrie 4.0 porta infatti alla definizione del modello di Reference Architecture Model Industry (RAMI 4.0) a supporto.

In questa prospettiva dovremmo chiederci se le soluzioni per le catene di approvvigionamento della moda dovrebbero essere una semplice evoluzione delle opzioni esistenti o dovrebbero essere viste in un panorama più ampio che includa molti punti di vista e campi completamente diversi (dall’automazione di reparto bordo macchina fino a SCM, ePlatform e social media).

A tale scopo, alla conferenza GCS ha proposto un approccio basato su un'analisi olistica degli attuali processi aziendali all'interno dell'industria della moda, con l'obiettivo di comprenderne duplicazioni e colli di bottiglia ma anche di definire l’ambito di un possibile lavoro.

 Un esempio dello schema a 4 livelli dei processi aziendali (fonte GCS Consulting)
Un esempio dello schema a 4 livelli dei processi aziendali (fonte GCS Consulting)

Il risultato di tale analisi, presentato alla conferenza, che ha strutturato i processi aziendali in 4 livelli gerarchici, ha consentito di identificare 216 processi aziendali necessari per le attività di business che vanno dalla fibra al prodotto finale sullo scaffale, di cui 102 sono solamente interni mentre 114 coinvolgono funzioni esterne, oltre il 50%. Ciò crea una visione del dominio ed una base strutturata, e quindi calcolabile, che potrà consentire  di sviluppare soluzioni semplici per un mondo attualmente molto complesso.

Per questi processi la valutazione è che le criticità derivano da una combinazione di:

  • Mancanza di regole
  • Lacune nel panorama degli standard esistenti in cui i processi critici sono affrontati male o, peggio ancora, non sono coperti affatto
  • Mancanza di best practice / standard per la digitalizzazione e quindi troppi processi ancora manuali
  • Mancanza di alcune tecnologie di base, in particolare per "meccanismi di scambio di dati in tempo reale" che sono sempre più necessari, ad es. per lo scambio di dati di inventario.

   Gli attori (o funzioni) del settore Fashion (sorgente GCS Consulting)
Gli attori (o funzioni) del settore Fashion (sorgente GCS Consulting)

Come si posiziona eBIZ in una situazione del genere?

Mentre eBIZ ha un "DNA” storico nell’upstream (la parte alta della filiera) , anche se con il progetto eBIZ 4.0 il segmento "abbigliamento" è stato notevolmente sviluppato (anche se fino ad oggi non esiste un vero supporto "Omni Channel"); quindi a monte della filiera è supportato un maggior numero di dati operativi rispetto all'EDI.

Inoltre, va menzionato che eBIZ modella lo scambio dati come scambio tra "funzioni" all'interno delle diverse organizzazioni: una azienda  potrebbe avere al proprio interno nello stesso momento sia la funzione "Produttore" che la funzione "Fornitore" oppure no.

Da un punto di vista tecnologico eBIZ ha una tecnologia che richiede meno "individualizzazione" prima della sua messa in opera e molto meno necessità di convertitori come l’EDI (eBIZ parla di "interoperabilità pronta all'uso"). Ad esempio il meccanismo di formalizzazione del "profilo d'uso" consente di lavorare senza convertitore e raggiungere l'effettiva interoperabilità in breve tempo (specialmente se accoppiato con appositi strumenti di test automatico).

Dall'altro lato, eBIZ in Germania è meno noto di EANCOM e, fino ad ora, non ha un’infrastruttura di supporto organizzativa basata su una presenza globale come ad es. GS1.

L'analisi sottolinea che né EDI/EDIFACT (incluso GS1 XML) né eBIZ né RAMI sono perfetti e nessuna delle tre scelte copre tutte le necessità che gli esperti tedeschi (intervistati o partecipanti alla conferenza che fossero) stanno richiedendo.

Ciononostante, eBIZ è la scelta più vicina della 3, quindi può essere considerata la prima scelta come base da cui partire, almeno per quanto riguarda tutti i problemi aperti che non siano correlati ad una nuova tecnologia per lo scambio dati in tempo reale – che è attualmente la più grande sfida e il più grande punto interrogativo!

In altre parole, è quindi consigliabile utilizzare eBIZ per supportare quei processi esterni per i quali non vi sono soluzioni e best practice ottimali o queste sono addirittura totalmente assenti, perché eBIZ:

  • copre già più processi di EDIFACT
  • inoltre, nuove soluzioni "solo fashion" possono essere realizzate più semplicemente rispetto ad  EDIFACT/EANCOM (che hanno la necessità di servire molti settori)
  • perché eBIZ con XML e/o JSON ha la base più semplice per modifiche e sviluppi.

Alcune aree sono state suggerite come prioritarie in quanto di grandi potenzialità e con una significativa urgenza di agire:

  • Creazione di nuove best practice in particolare per tutti i nuovi processi digitali, ad es. per la comunicazione in modo strutturato di valori spettrali e/o di informazioni sulle superfici dei materiali
  • Definizione della tecnologia che abiliti meccanismi di scambio di dati in tempo reale (ad esempio dati di inventario e Track & Trace)
  • Ridurre i gap definendo best practice nei processi  (esempi sono la pianificazione collaborativa tra tutte le funzioni, in particolare una maggiore visibilità sui fornitori di materiali e lavorazioni per ridurre significativamente i tempi di consegna, i dati anagrafici per il business on-line, la prototipazione, i problemi ambientali compresi l'uso di sostanze chimiche , l’impronta di CO2, ecc.

Come risultato logico, nella produzione nel Tessile/Fashion è lecito aspettarsi un forte movimento verso catene di fornitura più orientate alla velocità, incluse le tendenze verso l’individualizzazione del prodotto, così che la sofferenza attuale data da una qualità insufficiente dei processi esterni non potrà che aumentare e determinare nel prossimo futuro la possibilità o meno di sopravvivenza di parti significative del settore tessile.

 

3. La conferenza

Per GCS ed eBIZ la conferenza è stata l'occasione per presentare i risultati dell'analisi della situazione del settore, il ruolo potenziale di eBIZ, con l'obiettivo di proporre un approccio metodologico basato sull'analisi dettagliata dei processi aziendali ed ottenere su questo feedback dal dibattito.

Alcune brevi presentazioni sono state tenute da relatori invitati.

Mauro Scalia, EURATEX, ha sottolineato l'importanza della digitalizzazione nell'industria della moda caratterizzata da una grande quantità di piccole e micro aziende ed ha risposto alla domanda "Perché abbiamo bisogno di più eBIZ?" ricordando che, al di là delle esigenze aziendali, vi sono richieste di tracciabilità volontaria, pressioni politiche per trasferire informazioni attraverso la catena del valore (ad esempio: sostanze chimiche, pratiche di due diligence) e che non ci può essere digitalizzazione senza armonizzazione.

Due presentazioni di Hugo Boss hanno riportato la esperienza di questa azienda nell'adozione di eBIZ per collegare i fornitori, anche di diversi paesi, che è all'inizio ma sta ricevendo feedback positivi e le direzioni future per ampliare il campo di applicazione della digitalizzazione con i fornitori.

Piero De Sabbata, ENEA, ha riportato la constatazione di un IT supplier, "[le aziende] hanno investito molto denaro su sistemi ottimizzati di gestione e pianificazione della supply chain, ora dovrebbero investire un po 'per ottenere le INFORMAZIONI di cui hanno bisogno per farli funzionare ... ", per sottolineare che l'obiettivo strategico di eBIZ è sfruttare appieno le tecnologie Internet per ottenere migliori qualità delle informazioni per le collaborazioni fra organizzazioni.

In secondo luogo ha evidenziato la necessità di strumenti che potrebbero essere " pronto all'uso" per l'interoperabilità (vedi diapositive) .

Per indicare dove si trova oggi eBIZ e dove sta andando, ha menzionato alcuni punti chiave:

  • • eBIZ ha modello dati comune e sintassi multipla: XML, EANCOM, JSON. Sebbene XML sia il core, la sintassi EANCOM è all'interno delle specifiche eBIZ ed è l'alternativa per i flussi di dati RETAIL (con lo stesso modello di dati); inoltre JSON e JSON Schema supporteranno a brevissimo la connessione verso eServices (anche in questo caso con lo stesso modello di dati);
  • Flussi di dati verso ePLATFORMS: questi flussi sono stati migliorati con il supporto multilingue e multimediale di eBIZ 4.0 e miglioreranno ancora per supportare la necessità di alimentare le molteplici ePiattaforme che nascono continuamente.

Esperienza citata alla conferenza: eBIZ già supporta i flussi di dati per creare cataloghi, database clienti e gestire gli ordini nel portale B2B (ad esempio, il servizio “ready in stock”, basato su Magento).

  • Direct Machine2Machine e/o IOT: anche questo già è stato sperimentato.

Esperienza citata: pianificazione collaborativa quasi in tempo reale (2 minuti di reazione tra 2 città diverse) tra due scheduler (caso filatura di Lanificio CARIAGGI e di un suo terzista di tintura)

Altra esperienza: RFID su manovia presso terzista produzione e invio dell’avanzamento ordine di produzione tramite eBIZ (caso del produttore di scarpe Quadrifoglio)

  • Tracciabilità: eBIZ può supportarne diversi obiettivi (Origine del prodotto, prodotti etici, salute del cliente, anti-contraffazione, lotta ai mercati paralleli, ecc.) grazie alla capacità di raggiungere il «tier n», al supporto per dati logistici e dati di prodotto (ID, ...) e alla trasmissione di certificazioni come documenti incorporati; in un prossimo futuro eBIZ potrebbe offrire contenuti/semantica per sistemi basati su Blockchain

 

Dopo questa introduzione si è avviato il dibattito condotto da Andreas Schneider, GCS a cui hanno contribuito tra gli altri il gruppo Marzotto, che già utilizza eBIZ verso altri brand della moda, e la software house italiana Kyklos con la sua esperienza di attivazione di eBIZ in diverse filiere.

La prima osservazione sorprendente è stata che la maggior parte dei partecipanti aveva una visione simile del panorama di sfide dell'intero settore tessile: gap nelle logiche di sistema - standard concorrenti - complessità elevata - potenziale significativo di riduzione dei costi – troppi sistemi specializzati - digitalizzazione del "vecchio mondo".  La conferenza ha anche suggerito che la vecchia mentalità "upstream-downstream" deve essere sostituita pensando a  "catene di valore guidate dal consumatore".

 

Durante la discussione, diversi partecipanti hanno fornito esempi pratici di utilizzo dell'architettura di eBIZ e, in generale, hanno concordato su alcuni punti:

  • gli standard in competizione sono considerati un problema
  • qualsiasi discussione "EDIFACT versus eBIZ" non è la strada giusta; un approccio sistematico e rigorosamente orientato al processo sarebbe più proficuo e dovrebbe includere anche logiche regionali di Asia e Stati Uniti
  • sono auspicabili gli standard globali (per i sistemi di input e di consumo) in particolare nel campo dello sviluppo digitale (formati dei dati - metodi - formati di input)
  • senza collaborazioni operative e attività reali non cambierà nulla

Quindi la discussione si è incentrata sulle seguenti domande attorno all'idea di un Digital Master Plan:

  • Abbiamo bisogno di un Digital Master Plan come Best Practice per il settore Fashion globale?
  • L'architettura di riferimento eBIZ ha il potenziale necessario per essere il fondamento di un Digital Master Plan per il nostro settore (a monte e a valle, in tempo reale e facile)?
  • Progettare un Digital Master Plan esclusivamente per il settore tessile o un Digital Master Plan neutrale rispetto al settore ed integrato in IOT / Industria 4.0?
  • Abbiamo la certezza di essere in grado di identificare in modo collaborativo ciò che è necessario, scegliere gli elementi giusti da ciò che esiste già e riunirli tutti insieme in una strategia e per definire una cornice operativa coordinata?

Un Digital Master Plan in questo contesto è visto come un insieme di regole che definiscono approssimativamente il punto in cui il settore tessile intende muoversi da obiettivi comuni e relativi a processi, best practice, strumenti informatici e tecnologie di base.

Ciò richiede "massa critica" dove necessario e la nuova idea di un'adozione tempestiva e sistematica degli sviluppi nel maggior numero possibile di soluzioni IT, con conseguente miglioramento della velocità di adozione per l'intero settore.

In conclusione della conferenza GCS Consulting ha presentato i capisaldi per un'iniziativa  “Connecting Textile Sector” che implementi  le migliori pratiche da parte delle comunità fondatrici, incluse le associazioni e gli stakeholder in genere e combini  queste attività in un piano generale comune. Inoltre GCS ha proposto obiettivi, condizioni e una struttura del gruppo di lavoro basato su un approccio di crowdfunding da avviar con un minimo di 40 partecipanti.

 Il progetto eBIZ 4.0 dal canto suo esaminerà attentamente i risultati della conferenza e le reazioni positive alla visione generale di eBIZ e terrà conto nei prossimi passi, il primo dei quali sarà il rilascio di una versione eBIZ 4.0 2018 con molti miglioramenti.

 

 

 

 

 

 


Risorse

WEB - Avvio del progetto
28 giugno, a Francoforte prende il via un importante progetto pilota per l’integrazione dati
WEB - Progetto eBIZ 4.0
DOC - Slides DI513-020
Slide presentazione eBIZ Francoforte 19/9/2018 (vnd.openxmlformats-officedocument.pres, 6537121 bytes, v4, 27/11/2018)
[PRECEDENTE] [INDICE] [PRINT]